domenica 21 dicembre 2008

dedicato ai bambini della Mario Nuccio..


Una lettera ad una persona,un Amico, che gioca in una prima squadra di rugby, visto con gli occhi di un bambino del mini rugby...

Al mio amicoAmico Mio, ti ho visto una domenica, quando sono tornato a casa dopo un torneo, era tardi ed ero stanco, mi scappava la pipì. Sono entrato al Club e tu eri là con il tuo allenatore e tutta la squadra, non vi avevo mai visti tutti insieme fuori dal campo. Mi batteva forte il cuore e mi sono fermato a guardarti. Tu guardavi la partita in tv, ma speravo che alzassi gli occhi su di me e sorridendo mi chiedessi come era andata. Ti avrei raccontato di quanto erano grossi gli avversari e della paura che mi facevano quando venivano verso di me. Ti avrei detto che avevo placcato bene anche se uno mi era scappato ed aveva fatto meta. Sai, ho preso anche una botta e mi veniva da piangere, io non volevo farmi vedere ma le lacrime venivano giù da sole; mi hanno fatto una rabbia! È vero che un rugbista non piange mai? L'allenatore me lo dice sempre, io però ci credo poco; vorrei sapere da te se è proprio vero. Ma tu da piccolo come giocavi? A me cade ancora la palla. Come hai fatto tu ad imparare a passare, a placcare, a rialzarti velocemente per sostenere un compagno? Io non ci riesco, il mio allenatore mi dice che lo imparerò, ma io non ne sono tanto sicuro. Sai, quando vado a scuola o al campo giochi, vorrei raccontare a qualcuno quello che faccio. Dove abito io però, fanno tutti calcio. A volte i bambini ridono di me e non mi fanno giocare con loro, vorrei sapere se anche tu da piccolo eri solo come me. A volte vorrei andare anch'io a calcio così sarei come gli altri. Un giorno, durante l'allenamento, ho visto un tuo compagno di squadra entrare in campo e salutare un mio amico. L'ho invidiato da morire; poi quando ho guardato il mio amico aveva uno strano sorriso ed era tutto rosso, mi pareva anche diventato più alto. Vorrei che succedesse anche a me, ti vorrei ai miei allenamenti a spiegarmi dove sbaglio e a correre con me. Il mio allenatore è bravo, ma voglio dirti un segreto! Secondo me non ce la fa più a correrci dietro. Vorresti essere mio amico? Racconterei a tutti i miei amici di te, di quanto sei importante per la squadra, di tutte le cose che imparo guardandoti. Direi tutte le domeniche a papà : "Devo andare alla partita. Il mio amico mi aspetta, devo tifare per lui".
Un bambino qualsiasi del mini rugby

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Che bello il mondo visto con gli occhi dei bambini!!
Assume colori unici e così vivi!..

Elena T.

Anonimo ha detto...

ciao tesoro,,hai ragione è il mondo meraviglioso reale che poi i nostri pènsieri e la nostra furbizia trasforma in grigio..fumo...baci
by eraclix

Anonimo ha detto...

Proprio stamani ho scoperto che il figlio di un mio amico che non vedevo da molto tempo gioca a rugby.. Vedendo le foto delle sue prime partite, completamente coperto di fango, ho pensato subito a questo post! :)

Tantissimi auguri di Buon Natale!!
Elena T.

Anonimo ha detto...

auguri a te bambolina da un negozio straboccante...

Anonimo ha detto...

Ancora lo spartano nei suoi sporadici interventi: anche io affilo le mie armi e rafforzo i miei Oplon: altri spartani pronti al sacrificio di giocare allo sport più bello del mondo li sto confincendo a partecipare al rugbino, quindi tenevi pronti che manca solo qualche mese. AHUAHUAHU

romoletto ha detto...

Sarebbe bello tornare bambini, a quell'incoscienza e spensieratezza che si ha quando si è fanciulli e vivere la vita con il sorriso sulle labbra senza dolori, veleni, tristezze od altro ancora

"....la piu' bella vittoria l'avremo ottenuta quando le mamme italiane spingeranno i loro figli a giocare al rugby se vorranno che crescano bene, abbiano dei valori, conoscano il rispetto, la disciplina e la capacita' di soffrire. Questo e' uno sport che allena alla vita."

John Kirwan ex allenatore nazionale italiana e giocatore degli All Blacks