mercoledì 17 dicembre 2008

Pucciariello del MUNSTER a Catania...


Rugby, il S.Gregorio studia da grande squadra

Due giorni intensi di allenamenti e test tattici agli ordini di un campione d’Europa. Una visita molto attesa dal gruppo verdeblù che sta avendo l’opportunità di studiare meccanismi di gioco degni dei più importanti club internazionali della palla ovale. Il San Gregorio Catania Rugby ha accolto con grande entusiasmo l’arrivo di Federico Pucciariello, fratello di Tomas (capitano della squadra gregoriana), due volte campione continentale con la formazione irlandese del Munster che di recente ha affrontato in amichevole i mostri sacri del rugby, gli “All Blacks” neozelandesi. Il trentaquattrenne oriundo, già nazionale azzurro sette stagioni fa, ieri ha diretto il primo allenamento del San Gregorio insieme al tecnico Orazio Arancio, estremamente soddisfatto dalla presenza del più esperto dei Pucciariello. Tutti i componenti del roster gregoriano si sono confrontati con l’esperienza di un campione d’Europa ed hanno anche assistito a delle vere e proprie lezioni sulle tecniche di gioco del rugby internazionale, specificatamente sulle nozioni tattiche riguardanti la mischia chiusa, aspetto fondamentale del rugby moderno. Federico Pucciariello, trascinato a Catania dal fratello Tomas e dal progetto ambizioso della società etnea, ha avuto modo anche di interagire con i giovani del San Gregorio trasmettendo loro tutta la sua esperienza maturata negli anni nel mondo della palla ovale. Si replicherà oggi nuovamente al Comunale di San Gregorio di Catania per il secondo appuntamento di questa “full immersion” con un grande del rugby. Questo avvenimento rappresenta un passaggio fondamentale nel progetto di crescita del club verdeblù, sempre più calato in una realtà di primordine.

Sul fronte squadra, la condizione fisica generale del gruppo è pressoché buona. I due lungodegenti Carbone e Faia Pappalardo hanno iniziato la fase di riabilitazione dopo aver smesso i rispettivi tutori. Il primo deve recuperare dalla frattura alla mano destra, mentre l’esperto estremo etneo sta facendo i conti con il lento recupero dopo la brutta lussazione alla spalla patita durante il match con il Benevento. Sono stati costretti invece a rallentare sia Carreras che il veterano della squadra Elio Taschetta. Per entrambi il problema è una contrattura: per l’argentino alla coscia destra, cervicale invece per il jolly etneo. Prosegue, nel frattempo, senza intoppi l’inserimento completo degli ultimi acquisti Natale Duca e Francisco Chiaramello, sempre più integrati con il resto della squadra.Gioie e dolori per le giovanili gregoriane nello scorso fine settimana. Nel derby casalingo contro l’Amatori Catania sia l’Under 15 che la 17 sono uscite sconfitte abbastanza nettamente (rispettivamente 0-25 e 0-36). L’attenuante, comunque, è di aver affrontato le migliori squadre juniores dei due raggruppamenti. Bene, invece, l’Under 19 vittoriosa al “Monti Rossi” contro il Rugby Reggio (38-13). La giovanile guidata da Giuseppe Berretti sta attraversando indubbiamente un ottimo periodo di forma

2 commenti:

romoletto ha detto...

forza San Gregorio

Anonimo ha detto...

Un'esperienza speciale. Qualcosa che ha lasciato in molti la sensazione di poter dare di più e la consapevolezza di essere più forti.

"....la piu' bella vittoria l'avremo ottenuta quando le mamme italiane spingeranno i loro figli a giocare al rugby se vorranno che crescano bene, abbiano dei valori, conoscano il rispetto, la disciplina e la capacita' di soffrire. Questo e' uno sport che allena alla vita."

John Kirwan ex allenatore nazionale italiana e giocatore degli All Blacks