giovedì 5 febbraio 2009

TWICKENHAM sarà nostra ancora una volta



Queste saranno le prime immagini che vedremo sabato pomeriggio dopo le 15,00 sulla 7, quello di uno stadio favoloso gremito fino all'inverosimile, senza barriere fra spettatori e giocatori e sopratutto fra supporters delle due nazionali che si affronteranno.
Anzi, le due tifoserie saranno già a braccetto fra loro, con una pinta di birra in mano a cantare a squarciagola, il modo migliore per onorare una competizione sportiva qual'è il rugby.
Rideranno ,si sfotteranno un pochino, ci saranno schiamazzi , ma non appena entreranno loro, tutti gli sguardi, le attenzioni saranno solo per loro; per quei trenta energumeni, con facce tese e brutte (che si trasformeranno in sorrisi ed abbracci anche fra avversari a fine incontro) pronti a darsi battaglia per una palla dalla forma strana.
Poi il silenzio, le prime note di Fratelli D'Italia, i supporters italiani chi abbracciati, chi con la mano destra sul cuore, chi , con una lacrima furtiva negli occhi sventolando il tricolore, in mezzo ai supportes inglesi, canteranno l'inno d'Italia, e poi alla fine applausi sia dagli italiani che dagli inglesi, nessun fischio nessun lurido buuuuuuuuu, il rugby é battaglia, dura battaglia ci può scappare qualche pugno in campo, ma sugli spalti sempre rispetto per l'avversario.
Poi sarà la volta di "God save the Queen", l'intero stadio si alzerà si vedrà lo sventolio di migliai di bandiere con L'Union Jack e s'udranno migliaia di voci che canteranno l'inno inglese, poi il gran boato quando lo speaker enuncerà le formazioni, un'omettino piccolino, vestito diversamente dai 30 energumeni parlotterà con i 2 capitani che lo ascolteranno con la massima attenzione poi si dirigeranno verso il centro del campo con le due squadre he si sistemeranno nelle rispettive metà campo, in attesa che l'omettino porti il fischietto alla bocca e dià l'inizio alla contesa....
Mamma mia, ho già i brividi addosso, spero di riuscire a vivere un'emozione come questa quanto prima.
Statistiche e quantaltro six nations:

9 commenti:

Romoletto ha detto...

La partita la vediamo assieme???? e se si dove?????

Anonimo ha detto...

l'orario per me è proibitivo..me la vedo al lavoro sul pc via streaming...o tramite diretta blog
by eraclix

Anonimo ha detto...

romoletto..credo che ci vorranno almeno 4anni di magners league prima di avere una nazionale competitiva a twichenam
by eraclix

Espacio Inmo ha detto...

Vamos Pumas! buen blog. saludos !

kosovaro ha detto...

ola amigo.
felice di averti qui.
hasta il rugby, siempre!

marco e basta.

Anonimo ha detto...

ola espacio!!
forza pumas..che meraviglia di combattenti che siete...
by eraclix

Anonimo ha detto...

Il grande rugby arriva in piazza Duomo a Milano: l'Italia sfida i vicecampioni del mondo e gli appassionati meneghini potranno godersi lo spettacolo direttamente dalla media-facciata di Piazza Duomo. Domani, alle ore 16.00, la media-facciata allestita sul Palazzo dell'Arengario in Piazza Duomo - che con i suoi 487 mq di superficie rappresenta l'installazione dello schermo interattivo più grande d'Europa – trasmetterà la partita della nostra nazionale chiamata a misurarsi con l'Inghilterra.

Il media innovativo consentirà ai tifosi, italiani e inglesi, di assistere insieme al match in diretta in un clima di festa. La media-facciata dunque, è il media che si caratterizza per l'esclusività non solo del formato ma anche dell'evento veicolato. La trasmissione dell'incontro vede coinvolto, nella realizzazione del progetto, anche l'Assessorato allo sport del Comune di Milano (che patrocina l'evento) e l'emittente televisiva La7 che trasmetterà in esclusiva anche le restanti partite dell'Italia nel RBS 6 Nazioni sulla mediafacciata di Piazza Duomo. Urban Screen Spa è la prima società in Italia e in Europa che propone l'innovativa soluzione delle media-facciate. Strutture architettoniche permanenti o temporanee che medializzano la superficie cui sono applicate trasformando l'architettura in nuovo media, rispettando pienamente le norme relative al consumo energetico e all'inquinamento luminoso e acustico. La particolare tecnologia adottata e l'assenza di suoni permettono la plausibile gestione di aria, luce e trasparenza nei confronti dei locali abitati all'interno degli edifici cui sia installata.
Per le prossime giornate del 6 Nazioni, poi, verranno installati dei maxischermi anche a Torino, Parma e Roma, dove verrà trasmessa la partita conclusiva del torneo.
by eraclix from (rugby1823 blog)

kosovaro ha detto...

...e poi mi chiedono perchè tengo tanto a questo sport!
e, per onorare il nuovo "amigo" da cordoba, dico:
que viva il rugby.
siempre!!!


marco y nada.

critico ha detto...

io sono al bar relax di fronte INPS zona stadio se qualcuno vuol venire è accettato.

"....la piu' bella vittoria l'avremo ottenuta quando le mamme italiane spingeranno i loro figli a giocare al rugby se vorranno che crescano bene, abbiano dei valori, conoscano il rispetto, la disciplina e la capacita' di soffrire. Questo e' uno sport che allena alla vita."

John Kirwan ex allenatore nazionale italiana e giocatore degli All Blacks